12/03/2012

Trattamento della fibromialgia in fitoterapia

Per chi ama la medicina naturale ed in particolare le erbe medicinali, è stato proposto il seguente infuso che sembra essere efficace su alcune delle manifestazione della FM, e quindi può risultare utile come supporto ad altre terapie:

Panax quinquefolium 2 parti,

Astragalus mongolicus 2 parti,

Angelica sinensis (Dong quai) 2 parti,

Ginko biloba 1 parte,

Cimicifuga racemosa (Black cohosh) 1 parte,

Passiflora incarnata (Passion flower) 1/2 parte,

Betonica officinalis (Wood betony) 1/2 parte,

Matricaria chamomila (Chamomile) 1/2 parte,

Zizyphus sativa (Jujube red dates) 1/2 parte.

Questa tisana agisce come tonico contro la stanchezza cronica, l’ansia, la cefalea, i disturbi del sonno e ripristina il flusso sanguigno alle estremità. E’ consigliabile assumerla due volte al giorno lontano dai pasti alla dose di un cucchiaino da tè. Poiché alcuni componenti sono difficili da reperire in Italia (tale formulazione è tratta da un testo americano) è possibile sostituirli con componenti dalle caratteristiche simili. Non esiste una dieta specifica per la FM, ma certamente per una patologia che si esprime con dolore e stanchezza muscolare l’alimentazione ha un ruolo decisivo.

Delle numerose proposte di regimi dietetici quella che più corrisponde alla esperienza di numerosi pazienti è quella del Dr. Thomas Weiss. I suoi consigli alimentari si possono così riassumere: